23 Ottobre 2019
[]
Libri
percorso: Home

Libri

PADRI SENZA FIGLI
La routine di Yuri Zucchi, tranquillo ingegnere italiano in trasferta a Parigi, viene interrotta da un attentato inspiegabile dal quale si salva per pura coincidenza.
Inizia così un lungo incubo che lo porterà a fuggire cercando rifugio in tutta Europa senza riuscire a capire chi lo vorrebbe morto e perché.
Il fatto che Yuri abbia progettato un motore rivoluzionario che, oltre ad essere ecologico, consentirebbe di affrancarsi dalla dipendenza dal petrolio, lo porta a sospettare che dietro a tutto si nascondano gli interessi intoccabili di un colosso
petrolifero.
E se qualcuno è venuto a conoscenza delle sue ricerche è perché uno dei suoi collaboratori deve averlo tradito.
L´intervento di un particolare personaggio lo aiuterà a far luce sull´intera vicenda.


Thriller avvincente, ma anche sottile tragedia in chiave moderna sul magmatico rapporto tra genitori e figli.
Alberto Asero
APPESI AI FILI COME MARIONETTE
Milano, Marzo 1994. La città, che ancora non si è ripresa dagli avvenimenti politici e terroristici che negli ultimi anni hanno colpito l´Italia intera è alle prese da alcuni mesi con un terribile serial killer che, emulo del Mostro di Firenze, uccide giovani coppie. In questo clima quasi surreale, una nuova serie di inquietanti delitti, getta la città nello sconforto.
Un oggetto ritrovato sul luogo del delitto accomuna gli omicidi e fa pensare ad un nuovo serial killer, ma una serie di interrogativi senza risposta affliggono il commissario Mancini incaricato delle indagini.
Qual è il significato di quell´oggetto? Nasconde la spiegazione del movente o è solo una firma dell´assassino? Cos´hanno in comune le vittime? Cos´è che spinge il killer ad uccidere?
È quello che cerca di scoprire il commissario Mancini con l´aiuto della dottoressa Fabbri, psicologa della polizia.
Le loro vicende si intrecciano con quelle di Luca, aspirante giornalista che ha assunto una certa notorietà con i suoi articoli sul Mostro di Milano, e del suo gruppo di amici. Gruppo nato sui banchi del Liceo, che risulterà al centro delle indagini, quando alcuni dei suoi ex-alunni finiranno vittime del nuovo killer.


Il filo conduttore dell´intero romanzo è il senso di precarietà tra la vita e la morte, la consapevolezza che questo è il mondo reale e non si può fuggire da esso, la convinzione che le apparenze ingannano e v´è sempre una motivazione di fondo che può spingere un uomo a commettere azioni delittuose.
Massimo Barile

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]